Kiss me like you love me 3 – Kira Shell

TITOLO: Kiss Me like you love me 3 – Game Over

AUTORE: Kira Shell

EDITORESperling & Kupfer

PREZZOcartaceo 16,90€ – e-book 8,99 €

PAGINE: 660

Quale sarà il finale della principessa e del cavaliere oscuro? Dopo l’ultimo attacco di Player 2511, Neil è sempre più sotto pressione ed è costretto a cogliere anche il più piccolo indizio del vendicatore mascherato che minaccia la sua famiglia e Selene, con la quale ha una relazione altalenante. Da un lato il ragazzo si rende conto che con lei sta nascendo un legame unico e indissolubile; dall’altro, teme che il suo passato doloroso possa impedirle di vivere una vita piena e soddisfacente.

Quando all’improvviso una rivelazione sconvolgente investe il suo mondo, Neil, incurante di tutto e di tutti, scappa lontano da Selene e dai suoi cari, per ritrovare se stesso e un po’ d’equilibrio. Ed è allora che il suo unico sostegno diventa Megan, bella come una top model e con due occhi verdi mozzafiato, che condivide con lui ricordi tremendi e sembra l’unica in grado di placare, almeno in parte, il suo tumulto interiore. Mentre Neil, scisso tra l’attrazione per Megan e il sentimento indefinibile per Selene, cerca di fare chiarezza dentro di sé, Player 2511 prepara il suo assalto finale e non ha intenzione di risparmiare nessuno pur di ottenere la sua terribile vendetta. Dalla penna di Kira Shell, il capitolo finale della serie “Kiss me like you love me”.

In “Kiss me like you love me 3” ritroviamo i nostri amati Neil e Selene intenti a vivere la loro tormentata storia e Player 2511. Il libro riparte esattamente nel punto in cui si era fermato il secondo volume, senza salti temporali che, ahimè, caratterizzeranno invece l’ultima parte della storia. Le vicende vengono narrate come sempre dai due protagonisti, che si intervallano tra i capitoli. Troviamo poi anche alcuni capitoli in cui parlano in prima persona Player 2511 e Megan.

Nonostante la vicinanza e l’aiuto che riceve da Selene, Neil continua a vivere con le sue solite abitudini e a essere tormentato dal suo passato. Selene, innamorata persa del suo “incasinato” è pronta a dare tutta se stessa per lui, ma spesso finisce per rimanere delusa dai suoi comportamenti. Il fulcro della storia arriverà il giorno della laurea di Neil. Da momento entusiasmante e indimenticabile per entrambi i ragazzi, finirà per diventare l’inizio di una serie di problemi familiari per Neil. Tra ricordi, litigi, amore, sesso, pensieri, Neil e Selene, Chloe, Logan e i Krew si troveranno a dover fare i conti con l’ira di Pleyer. Il misterioso personaggio fornirà ai ragazzi nuovi enigmi fino alla resa dei conti finale.

Nel primo libro Selene conosce, grazie a Neil, la sessualità e il piacere del corpo. Nel secondo invece è maggiormente studiata e sviluppata la psicologia del personaggi. Questo terzo volume riunisce un pò tutto in un mix esplosivo. I rapporti sessuali e la passione tra i due protagonisti si intervallano ai sentimenti, allo studio della psiche di Neil e al desiderio profondo di Selene di aiutarlo a risolvere i suoi problemi con il passato una volta per tutte. Neil resta il solito bello e dannato che sembra non trovare soluzione ai fantasmi del suo passato, ma che cerca di aprirsi e raccontarsi alla sua bimba.

Personalmente questo terzo libro di “Kiss me like you love me” è quello che ho amato di più. L’ho trovato completo, dentro c’è tutto. C’è la vena dark, ci sono le scene erotiche, c’è il sentimento, c’è la trama. Non mi sono mai annoiata e nelle ultime cento pagine mi sono commossa più di una volta. Nonostante questo ci sono alcune caratteristiche di questo terzo volume che non ho apprezzato completamente.

Innanzi tutto, con gli altri due precedenti, anche qui ritroviamo sempre le stesse descrizioni che finiscono per allungare inutilmente il libro e risultare noiose. Il lettore che si è appassionato ai personaggi di Neil e Selene e ha già letto quasi 1200 pagine precedenti su di loro, sa già che Neil ha la voce baritonale, il corpo possente, il membro imponente, gli occhi dorati, i tatuaggi e sa già che Selene ha gli occhi oceano e che arrossisce per ogni riferimento sessuale.

Inoltre ho amato molto tutta la trama dark che c’è dietro, la storia di Player e il mistero che si cela dietro la sua identità, ma trovo che l’autrice abbia accantonato troppo questa parte che viene ricordata ogni tanto come se fosse secondaria e che addirittura, nel salto temporale di sei mesi che avviene circa a metà libro viene del tutto dimenticata. Ultimo “difetto”, ma non meno importante, almeno per me… ho sempre odiato i salti temporali e qui ce n’è uno di sei mesi e uno di ben dieci anni che, oltre a lasciarmi un pò perplessa, mi ha subito fatto capire quale sarebbe stato il finale (ma non faccio spoiler). Detto questo non posso dare il massimo dei voti a questo libro, ma ho detto che mi è piaciuto più del primo a cui ho dato 4,5/5. Quindi?

VOTO: 4,8/5

Qui trovate la recensione di “Kiss me like you love me 4 – The diary”.

CITAZIONI:

“Però potresti entrare a far parte della mia follia, così diventeremmo immortali insieme.”

“Il mio inferno mi sembrava più accogliente quando la Tigrotta ci passeggiava in mezzo con i suoi occhi oceano e il sorriso da capogiro. lei faceva rumore nella mia testa. Stava diventando una piacevole follia.”

“Più osservavo la società e più mi rendevo conto di quanto i miei ideali fossero giusti. L’amore era un’illusione che prima o poi finiva, il matrimonio era inutile. Noi uomini eravamo nati peccatori, eravamo inclini a sbagliare, non eravamo neanche degni di indossare una fede al dito. Fingere di scegliere una donna e dichiararle amore eterno era soltanto una convenzione, una moda seguita dalla società.”

“Neil non era perfetto, non era un principe da presentare ai propri amici o alla famiglia, ma con lui camminavo in una dimensione infernale che mi sembrava persino più bella del paradiso.”

“Mi aveva salvata dalla monotonia. Da quel tutto che in realtà era niente. Da ciò che pensavo fosse vita. perchè la mia, di vita, era incominciata dal nostro primo sguardo.”

“Forse l’amore è proprio questo. Accettarsi perchè si è imperfetti.”
Precedente Se questo è un uomo - Primo Levi Successivo "L'Allieva", le frasi più belle dei libri di Alessia Gazzola