Kiss me like you love me 4 – Kira Shell

TITOLO: Kiss Me like you love me 4 – The diary

AUTORE: Kira Shell

EDITORESperling & Kupfer

PREZZOcartaceo 14,90€ – e-book 8,99 €

PAGINE: 408

Può esserci un lieto fine per un’anima dannata? Ora che finalmente Player 2511 non è più una minaccia, non dovrebbero esserci ulteriori ostacoli alla storia tra Selene e Neil. Tuttavia, bastano pochi mesi insieme perché i due si rendano conto di quanto sia difficile vivere la quotidianità di una relazione, e si accorgano che la passione che li lega non può risolvere tutti i loro problemi.

Per quanto tenga a Selene, Neil è ancora prigioniero del passato e ogni giorno teme di trasformarsi nei mostri che cerca di combattere fino allo stremo. Selene, dal canto suo, si impegna con tutte le sue forze a stare accanto a un uomo ferito nel profondo, ma la paura di perderlo è un nemico infido e potente che le si insinua nella testa e le avvelena il cuore. Tra liti, rappacificazioni e colpi di scena, riusciranno Selene e Neil a superare le avversità e a trovare un loro equilibrio?

Purtroppo con “Kiss me like you love me 4 – The diary” termina la serie dedicata a Neil e Selene. Questo è infatti l’ultimo libro che narra la storia del giovane ragazzo bello e tormentato e delle sua dolce e ingenua Trilly. In questo ultimo libro non è presente in alcun modo la nota dark che invece aveva accompagnato i tre libri precedenti. La storia di Player si era conclusa in modo chiaro in “Kiss me 3”, per cui questo ultimo testo si concentra solo sulla storia d’amore tra Neil e Selene e su quello che accade negli anni successivi. Nel libro sono presenti molti salti temporali, tant’è che la storia dei due ragazzi viene descritta a partire da quanto Selene sceglie di partire con Neil (con la benedizione della madre), poi salta addirittura fino a 5 anni dopo, 2 anni dopo e un altro anno ancora.

A differenza di quello che è avvenuto con gli altri tre libri, l’autrice ha qui voluto essere più riassuntiva, ma dare comunque una visione completa di quello che è accaduto negli anni a questi due ragazzi. E’ tornata quindi ad affrontare i problemi che Neil ha con il suo passato, con i genitori, con il Dottor Keller, con i Krew, con il bambino che è dentro di lui, con la terapia, gli psicofarmaci, il sesso e Kim, senza perdere però mai di vista l’importante nota erotica e la storia d’amore con Selene.

Nel primo libro ho fatto fatica a empatizzare con un personaggio complesso, delicato e perverso come Neil, ma nel corso della storia qualcosa è cambiato. Mi sono ritrovata ad ammettere che il suo è un personaggio veramente fantastico e dalla psicologia tanto complicata quanto affascinante. I risvolti che la sua storia ha avuto nel tempo hanno dell’incredibile e, seppur spesso tendenti al positivo, restano molto realistici.

Il quarto libro, già nella trama, si chiede: “può esserci un lieto fine per un’anima dannata?”. A mio avviso l’autrice è stata brava perchè ha sviluppato una storia che non è quella delle favole, non ha solo cose belle e non ha il lieto fine classico, ma è più vicina alla realtà di quanto si possa immaginare. Nella vita di tutti i giorni ci possono essere difficoltà, giornate storte, litigi, ma l’amore può aiutarci a migliorare e ad affrontare al meglio tutto. Neil ne è la prova.

Devo ammettere che un velo di tristezza mi ha accompagnata durante tutta la lettura di questa ultima parte di “Kiss me like you love me”. Mi mancheranno molto i Seleil, a cui ormai mi sono affezionata. Detto ciò, ho trovato però questo ultimo libro caotico, come se fosse stato scritto per allungare la storia e pubblicare un libro in più. Inoltre non ho capito il fatto di voler anticipare alla fine del terzo libro quello che accade ai protagonisti dopo 10 anni, per poi tornare nuovamente indietro nel tempo nel quarto libro.

Ho trovato poca coerenza temporale ed essendo una lettrice che odia salti temporali, flashback eccessivi e frasi del tipo “dopo due anni…”, non ho apprezzato questa cosa. Resta il fatto che ho divorato questo libro, come gli altri tre della serie di “Kiss me”. Ormai Neil e Selene sono amici e a ogni pagina sentivo la necessità di continuare la lettura per scoprire la loro tormentata, ma bellissima, storia.

VOTO: 4/5

CITAZIONI:

“Non avevamo bisogno di un anello al dito, non avevamo bisogno di nessuna benedizione. Non avevamo bisogno neanche di un banale ti amo. Avevamo bisogno solo dell’amore.”

“Ogni donna custodiva dentro di sè un angelo benevolo e un diavolo peccatore.”

“Era ancora presto per pensare a invecchiare, anche se il tempo era qualcosa che non avrei mai potuto controllare e per questo mi faceva paura.”
Precedente Meno dodici - Pierdante Piccioni con Pierangelo Sapegno Successivo "Kiss me like you love me" di Kira Shell: le frasi più belle