70 Sanremo – John Vignola (a cura di)

TITOLO: 70 Sanremo

AUTORE: a cura di John Vignola

EDITORE: RaiLibri

PREZZOcartaceo 30,00€

PAGINE: 254

“Sanremo non è solo un concorso canoro, ma anche uno spettacolo in sé, con tutto ciò che si porta dietro. Mi ha sempre affascinato che se ne parlasse già diversi mesi prima del suo inizio, che coinvolgesse tutto il settore dell’intrattenimento e non solo quello più squisitamente musicale. Che nella quiete invernale di una città di mare della provincia per pochi giorni si aprissero le porte di questo italianissimo Moulin Rouge. Un caleidoscopio di musica, parole, televisione, fiori, abiti, gossip, polemiche, e chi più ne ha più ne metta. Uno spettacolo che ritirando la sua marea era in ogni caso destinato a lasciar sopravvivere soltanto le canzoni. Perché in fondo, ammettiamolo, al netto della magnifica giostra, da sempre e per sempre, a Sanremo, sono le canzoni le uniche vere protagoniste”.

dalla prefazione di Amadeus

Ho sempre avuto una grande passione per la musica, soprattutto italiana e, da quando ho memoria, non ho mai perso un’edizione del Festival di Sanremo. Sin da piccola per me la settimana del Festival era a dir poco sacra. Ricordo le serate sul divano a cercare di imparare a memoria le nuove canzoni con i miei genitori, le critiche ai vestiti fatte con mia cugina, i complimenti (o meno) che mia nonna faceva ai presentatori. Ricordo che mia mamma mi mandava a letto presto perchè avevo la scuola e ogni sera era una lotta, perchè io volevo vedere Sanremo.

Nel mio anno di nascita, il 1992, vinse Luca Barbarossa con “Portami a ballare”, una canzone stupenda che amo ancora oggi. L’anno successivo tra i giovani spiccò la voce incredibile di Laura Pausini, che poi divenne la mia cantante preferita in assoluto. Ancora oggi per me Sanremo è una tradizione che non posso assolutamente saltare. In quella settimana non mi perdo mai un’intervista, una conferenza stampa e la sera attendo con ansia la fine del TG1. Capirete bene quindi che per una come me il libro “70 Sanremo” è davvero prezioso. Questo testo, realizzato da John Vignola, è una sorta di grandissimo riassunto di tutte le 70 edizioni del Festival.

Il libro è introdotto da una prefazione di Amadeus, direttore artistico dell’ultimo Festival di Sanremo e anche del prossimo che, Covid-19 permettendo, vedremo il prossimo anno sugli schermi. Vi sono poi testimonianze e ricordi di personaggi che hanno fatto la storia di questa manifestazione musicale. Da Pippo Baudo a Renzo Arbore, da Vasco Rossi a Vincenzo Mollica, che proprio quest’anno ha salutato il Festival andando in pensione dopo 39 anni da inviato Rai. “70 Sanremo” è principalmente un album fotografico, in quanto raccoglie tantissime fotografie del Festival, sia dei cantanti in gara, che dei presentatori o degli ospiti. Il libro è un vero e proprio documento speciale che permette di ricordare tanti momenti importanti per il Festival, ma anche per l’Italia. Spesso quello che succede nei pochi giorni in cui va in onda Sanremo è infatti un concentrato di usi e costumi di quel momento storico.

Il testo “70 Sanremo” è diviso in decenni e ogni capitolo è anticipato da un breve riassunto di quello che è accaduto al Festival in quei 10 anni, di come è cambiata la kermesse canora, di cosa è stato introdotto o tolto rispetto agli anni precedenti. Vengono riportate curiosità ed elementi chiave delle varie edizioni del Festival per poi lasciare spazio alle immagini. Al termine del libro sono raccolti tutti i nomi dei partecipanti e dei presentatori delle 70 edizioni di Sanremo. A partire dal 1951 l’annuario contiene l’elenco completo, diviso sempre in decenni, di tutti i conduttori, della classifica finale (sia dei big che delle nuove proposte quando poi verranno istituite), di tutti i cantanti in gara con rispettivi titoli e autori delle canzoni.

Insomma da Nilla Pizzi, prima vincitrice del primo Festival di Sanremo nel 1951, a Mahmood, vincitore del Festival 2019, ultimo contenuto in questo libro che è uscito a Gennaio 2020, questo volume è un vero e proprio viaggio tra la musica e i ricordi.

VOTO: 4/5

CITAZIONI:

“Il Festival di Sanremo per me ha prima di tutto il sapore dolce del ricordo.”

“Oggi il Festival si vede e basta.”

“Sanremo è un mondo di cultura popolare di cui sono fiero di essere stato parte attiva.”

“E’ una grande festa dove in primo piano ci sono le canzoni e, attraverso le loro musiche, i loro testi, la Storia d’Italia.”
Precedente Costanza e buoni propositi - Alessia Gazzola Successivo Lui: principe selvaggio - Meghan March