Il bacio di Shiva – Alessia Finco

TITOLO: Il bacio di Shiva

AUTORE: Alessia Finco

EDITORE: PlaceBook Publishing

PREZZOcartaceo 10,40 € – e-book 4,90 €

PAGINE: 130

Copia omaggio offerta dall’autore

A volte le aspettative superano di gran lunga la realtà ed è quello che accade a Elga Bottucci, giovane laureata in economia, alla ricerca del suo primo impiego in una caotica Milano. In mezzo a un’intricata giungla composta da contratti a tempo determinato, collaborazioni continuative e stage non retribuiti, approda finalmente alla Star Markenting. Tra quelle tristi mura, Elga ha la fortuna di incontrare il brillante manager Michele Palazzo (in arte Lola), che la prende immediatamente in simpatia insegnandole i trucchi del mestiere. La piccola impresa pubblicitaria però è gestita dal boss Malpighi, un uomo corrotto, privo di scrupoli e sfacciatamente maschilista. Tutto sembra procedere a meraviglia, quando…

Il libro “Il bacio di Shiva” a partire dal titolo e soprattutto dalla copertina si presenta come un testo ricco di riferimenti al buddismo e alla meditazione. Proprio per questo ho cominciato questa lettura leggermente sfiduciata, perchè amo i romanzi, leggo libri rosa, ma non mi interesso assolutamente di questo ambito. In realtà “Il bacio di Shiva” si è rivelata una piacevolissima sorpresa. Il testo infatti è incentrato sulla vita della quarantenne Elga Bottucci e la meditazione, che apparentemente potrebbe sembrare il tema centrale della storia, in realtà entra in punta di piedi nella sua vita e nelle vicende narrate. Elga è una sorta di eroina moderna, un pò impacciata, non del tutto realizzata sul lavoro, quasi completamente insoddisfatta nella vita privata.

Può vantare una silenziosa e comoda casa in campagna, una famiglia che le vuole bene e un collega e amico delizioso, Michele. Per il resto è una donna di 42 anni con un lavoro precario, senza relazioni serie, nè figli. Il ginecologo non fa che ricordarle che il suo orologio biologico procede rapido e inesorabile verso la menopausa. Elga non può fare altro che constatare la triste realtà dei fatti. La sua condizione, comune a molte donne dei nostri giorni, mi ha ricordato la Emma di “Non è la fine del mondo” di Alessia Gazzola. Anche lei infatti era continuamente in lotta contro il precariato e i problemi dell’essere donna del nostro tempo.

Le cose per Elga cominciano a cambiare quando incontra per caso Camilla, una ragazza che si legherà da subito a lei e che la avvicinerà alla pratica della meditazione. Proprio attraverso la meditazione Elga incontrerà il suo spirito guida, Shiva. Chi è in realtà Shiva? Nulla di trascendentale, oserei definirlo la voce della nostra coscienza, che a volte ci sprona ad agire e ci spinge a rischiare. Ascoltando Shiva, Elga inizierà a cambiare la sua vita. A volte il suo spirito la metterà nei guai, altre volte si scoprirà un’importante e preziosa risorsa.

Tutta la vicenda del libro si svolge in pochissimo tempo. La stessa protagonista dirà che non le pare vero di come in un solo mese la sua vita sia cambiata. Questo particolare rende forse un pò surreale e poco veritiera la storia, così come il finale un pò troppo “da favola”. In generale però ho trovato il testo molto carino. La scrittura dell’autrice è simpatica, frizzante, veloce. La storia narrata non annoia assolutamente e i dialoghi tra i protagonisti sono divertenti. Una nota negativa è data dai troppi errori e refusi nel testo, per non parlare di un personaggio che da Caterina finisce per chiamarsi Carla senza un apparente motivo.

In generale mi sento di dire che “Il bacio di Shiva” è principalmente un romanzo rosa, anche se la copertina può deviare in parte il pensiero del lettore. Per me è stata una piacevolissima scoperta.

VOTO: 3,5/5

CITAZIONI:

“Imparavo per la prima volta che chi piangeva era considerato frangibile, mentre chi implodeva dentro cercando di farcela da solo poteva benissimo sopportare il peso della verità.”

Precedente Scommetto che mi ami - Francesca V. Capone Successivo "Venuto al mondo" di Margaret Mazzantini: le frasi più belle